Archivio per la categoria CAO

Galleria Fotografica CONVEGNO PER ODONTOIATRI “LE NUOVE SOLUZIONI NELLA MODERNA ENDODONZIA. APPROCCI E TECNICHE DI UTILIZZO” 23/03/2019

CONVEGNO PER ODONTOIATRI “IMPLANTOLOGIA AVANZATA E TECNICHE RIGENERATIVE CON L-PRF”

Pubblicità informativa, i paletti di Fnomceo per contrastare spot illusori

FONTE http://www.odontoiatria33.it

Pubblichiamo su segnalazione del Presidente CAO, Dr Giovanni Rubino, il seguente approfondimento di Mauro Miserendino di Odontoiatria33

Non dire falsità, non suscitare illusioni, non avere scopi smaccatamente promozionali, non “usare” dati di pazienti per la propria immagine: sono alcuni dei criteri importanti con cui verranno giudicate le promozioni al pubblico di medici, dentisti e società di professionisti dagli Ordini nei prossimi mesi. A dettarle, la Federazione degli Ordini nelle due componenti, medica e odontoiatrica, in una comunicazione -la numero 9 – ai presidenti. Siano essi persone fisiche o società, la Finanziaria 2019 impone sulle comunicazioni informative dei sanitari iscritti agli ordini il controllo (successivo e non preventivo) da parte dei consigli provinciali.

Lo fa sulla scorta dell’emendamento della deputata odontoiatra Rossana Boldi (Lega) recepito ai commi 525 e 536 della legge. Secondo tale emendamento, i messaggi al pubblico possono contenere solo informazioni consone con la legge 248/2006, che consente di esplicitare i titoli, le eventuali specializzazioni, le caratteristiche del servizio offerto e i suoi costi. Sono vietate comunicazioni “suggestive” o promozionali. Per chiarire cosa significhino i due aggettivi, i presidenti della Federazione Filippo Anelli e della Commissione Albo Odontoiatri Raffaele Iandolo hanno offerto ai 106 presidenti provinciali dei medici e ai 106 presidenti odontoiatri le coordinate del Codice Deontologico agli articoli 55 e 56 e innanzi tutto quelle del Dpr 137 del 2012. Quest’ultimo all’articolo 4 comma 2 parla di “pubblicità informativa”, che dev’essere “funzionale all’oggetto, veritiera e corretta”, non deve violare l’obbligo del segreto professionale e non deve essere “equivoca, ingannevole e denigratoria”.  Per l’articolo 55 del Codice, il medico non deve suscitare infondate attese ed illusorie speranze (lo si scrive in relazione alla divulgazione di notizie non ancora accreditate dalla comunità scientifica), mentre per l’articolo 56 medici singoli o società tra professionisti non possono patrocinare o avallare in sanità pubblicità a fini esclusivamente commerciali, a meno -è interpretazione prevalente- non si tratti di caratteristiche obiettive di prestazioni sanitarie. 

I presidenti FNOMCeO e CAO ricordano anche il comma 536 della Finanziaria: in caso di violazione sulle comunicazioni da parte dell’iscritto, gli Ordini provinciali, anche su segnalazione della Federazione, procedono in via disciplinare, e nel contempo segnalano tutto all’Authority per le comunicazioni al fine dell’adozione di eventuali interventi sanzionatori. Nella comunicazione si sottolinea implicitamente come l’ente investito dagli Ordini non sia l’Antitrust, che con la Federazione ebbe un contenzioso di anni a seguito delle pronunce degli Ordini sui messaggi degli iscritti e della presunta inadeguatezza del Codice Deontologico, successivamente all’approvazione della legge Bersani, culminata in una sentenza del Consiglio di Stato che fece tramontare ogni ipotesi di sanzione per la FNOMCeO.

Un secondo capitolo nella comunicazione ai presidenti OMCeO e CAO provinciali riguarda l‘obbligo imposto dallo stesso comma di far guidare ogni struttura facente capo a una società a un direttore sanitario iscritto all’Albo della provincia dove quella struttura ha sede. Le strutture di questo tipo dovranno dotarsi di direttore sanitario in regola in pratica da maggio di quest’anno; il motivo della norma è che direttori sanitari “responsabili” dei comportamenti nelle loro strutture non sono stati perseguiti dagli Ordini delle province in cui esercitavano perché iscritti ad altri Ordini provinciali. La FNOMCeO non confina questa norma alle sole strutture odontoiatriche e “fornirà ulteriori delucidazioni qualora fossero evidenziati ulteriori dubbi interpretativi e problematiche sulla materia”. 

SEPARATORE DI AMALGAMA – NOTA MINISTERO DELLA SALUTE

Per opportuna conoscenza si riporta di seguito la nota del Ministero della Salute relativa al separatore di amalgama:

OGGETTO: INFORMATIVA SULLE DISPOSIZIONI RELATIVE Al SEPARATORI DI AMALGAMA DENTALE PREVISTE DALL’ARTICOLO 10 DEL REGOLAMENTO (UE) 2017/852 SUL MERCURIO.

Il Regolamento (UE) 2017/852 sul mercurio prevede, all’articolo 10, misure per la gestione sostenibile dell’amalgama dentale in odontoiatria.

A tale proposito, con propria circolare del 6 agosto 2018 n. 0018211 il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare – Direzione generale per le valutazioni e le autorizzazioni ambientali- ha richiamato l’attenzione degli interessati su una serie di importanti ricadute applicative della nuova normativa.

Con la presente, sempre concordata con il predetto Ministero, si intendono fornire una serie di precisazioni relativamente alla tematica in oggetto, anche in relazione ad alcune interpretazioni non corrette della medesima che pure sono state riprese da organi di informazione specializzati del settore.

In particolare, si ribadisce che a decorrere dal 1° gennaio 2019, l’utilizzo di amalgama dentale o la rimozione di otturazioni contenenti amalgama dentale ovvero di elementi dentali con tali otturazioni, devono essere effettuate esclusivamente con l’utilizzo di riuniti odontoiatrici dotati di separatori di amalgama (conformi ai requisiti tecnici indicati dal medesimo Regolamento 852) al fine di trattenere e raccogliere le particelle di amalgama generate dalle attività sopraindicate. Si specifica che gli studi e le strutture odontoiatriche in cui l’amalgama dentale viene utilizzato e/o rimosso sono obbligati a dotarsi di separatori di amalgama.

In detti studi o strutture è necessario, pertanto, garantire la presenza di almeno un riunito odontoiatrico dotato di separatore di amalgama; l’uso e la rimozione dell’amalgama dentale deve avvenire utilizzando esclusivamente la postazione dotata di tale separatore.

Si pregano, pertanto, gli Enti e le Associazioni in indirizzo di dare la massima diffusione possibile alla presente informativa.

Il Segretario Generale

Dr. Giuseppe RUOCCO

CORSO DI AGGIORNAMENTO IN ODONTOIATRIA (33,6 Crediti ECM – Evento 2603-229972)

Si segnala, per gli eventuali interessati, Corso di aggiornamento in Odontoiatria 2018 ” Gli Odontoiatri al Servizio delle Famiglie” Evento accreditato ECM Provider FNOMCeO n. 2603 – ID Evento n. 229972:

Scarica la Brochure del Corso di aggiornamento

GDPR: gli Odontoiatri scrivono al Garante

AL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI
E MAIL:garante@gpdp.it
Posta certificata:PROTOCOLLO@PEC.GPDP.IT

Questa Federazione, che ai sensi dell’art. 15 del DLGSCPS 13/09/1946 n. 233, svolge funzioni di indirizzo e coordinamento nei confronti dell’attività dei 106 Ordini Provinciali dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri italiani, richiede un incontro con i responsabili di Codesta Autorità, per quanto concerne alcuni temi relativi alla prossima entrata in vigore del Regolamento U.E. 2016/679 sulla protezione dei dati personali.

In particolare sarebbe necessario, per poter svolgere il ruolo di indirizzo e coordinamento cui si è fatto riferimento, avere certezza giuridica sull’obbligo o meno per i singoli medici e odontoiatri e comunque per gli studi medici ed odontoiatrici mono professionali, anche qualora aggregati in strutture complesse, di procedere alla nomina del “Data Protection Officer” (DPO), quale responsabile della protezione dei dati.

La questione, com’è noto, è tuttora dibattuta e sarebbe necessario da parte di questa Federazione dare elementi di certezza, anche in considerazione del pesante apparato sanzionatorio previsto per le violazioni della nuova regolamentazione.

Per questo motivo, siamo a chiedere un incontro per rappresentare questa ed altre questioni di interesse dei medici e degli odontoiatri italiani in riferimento ad una normativa che presenta ancora elementi di incertezza.

Con l’auspicio di poter ottenere quanto prima un riscontro positivo alla nostra richiesta si inviano

Cordiali saluti

Il Presidente della CAO                                                                                                              Il Presidente

Dott. Raffaele Iandolo                                                                                                         Dott. Filippo Anelli


Sen. CRIMI’ Vito Claudio
Presidente
Commissione speciale per l’esame degli atti urgenti presentati dal Governo
Sen. PERILLI Gianluca
Relatore
Rappresentanti dei gruppi:
Sen. ERRANI Vasco
Sen. GIARRUSSO Mario Michele
Sen. PICHETTO FRATIN Gilberto
Sen. PITTELLA Gianni
Sen. URSO Adolfo
Sen. VALLARDI Gianpaolo

 

Oggetto: richiesta audizione nell’ambito dell’esame dello Schema di decreto legislativo recante disposizioni per l’adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del Regolamento (UE) 2016/679, relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE (regolamento generale sulla protezione dei dati) (n. 22) .

Illustre Presidente, Illustre Relatore, Illustri Senatori,

come è noto alle S.S.V.V.  è in discussione presso la Commissione speciale per l’esame degli atti urgenti presentati dal Governo il provvedimento indicato in oggetto.

Nella seduta in sede consultiva del 23.5.2018  la Commissione ha convenuto di svolgere un ciclo di audizioni informali.

Pertanto, la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, in quanto ente esponenziale dell’intera categoria medica e odontoiatrica, stante la rilevanza della materia, chiede di essere inserita tra i soggetti da audire.

Tutto questo in considerazione del fatto che a decorrere dal 25 maggio 2018 vi saranno forti  ricadute su tutti gli studi medici e odontoiatrici in ordine alla applicazione del Regolamento UE 2016/679, in materia di protezione dei dati personali, che introduce significative novità, di immediata applicazione.

Certo della sensibilità ed attenzione delle S.S.V.V. si inviano cordiali saluti.

IL PRESIDENTE

Dott. Filippo Anelli

Convegno per Odontoiatri, dal titolo ” Tecnologie Digitali applicate al Trattamento Implanto-Protesico”

Si segnala per tutti gli interessati, convegno in fase di accreditamento ECM per Odontoiatri, dal titolo ” Tecnologie Digitali applicate al Trattamento Implanto-Protesico” che si terràpresso il nostro Ordine sabato 14 Aprile 2018 alle ore 08,00:

Scarica la brochure del Corso

Avviso INAIL selezione comparativa di Odontoiatri

Riceviamo dall’INAIL DIREZIONE REGIONALE CALABRIA, Ufficio Direzione, la seguente Nota prot. n. 0012456 del 16.11.2017 indirizzata alle PEC dei Consigli dell’Ordine dei Medici delle Province della Calabria con Oggetto: Pubblicazione avviso della Direzione Regionale INAIL per la Calabria per la selezione comparativa di Odontoiatri e la rigiriamo per gli eventuali interessati:

Con riferimento all’oggetto, si trasmette in allegato, al fine di dare la massima divulgazione possibile nei confronti di tutti i soggetti interessati, l’allegato Avviso pubblico di selezione comparativa del 16.11.2017, per il conferimento di incarichi di consulenza a professionisti odontoiatri, per prestazioni in favore degli infortunati e tecnopatici assistiti dall’INAIL.

A tal riguardo si precisa che, in data odierna, il suddetto Avviso sarà  trasmesso alla Direzione Generale INAIL per la pubblicazione sul sito nazionale www.inail.it , evidenziando che a partire dalla data di pubblicazione decorrono i 15 giorni entro i quali dovrà  essere prodotta la domanda di partecipazione.

Si ringrazia per la collaborazione Il Direttore regionale Dr.ssa Caterina Crupi

Scarica la Lettera agli OdM Calabria Bando odontoiatri
Scarica l’AVVISO ODONTOIATRI 2017
Scarica l’Allegato 1 Tariffario
Scarica l’Allegato 2 Facsimile Domanda
Scarica l’Allegato 3 Curriculum
Scarica l’Allegato 4 Patto di integrità

Lettera agli iscritti all’Albo degli Odontoiatri della Regione Calabria dal Coordinamento CAO Calabria

COORDINAMENTO CAO CALABRIA

12/5/2017

Oggetto: comunicazioni.

Ai colleghi iscritti all’Albo degli Odontoiatri della Regione Calabria

In riferimento alla Sentenza della Corte Costituzionale n° 106/2017 che dichiara l’illegittimità costituzionale degli artt. 4 e 5 della legge della Regione Calabria 20 aprile 2016, n. 10 (Norme per la tutela della salute dei pazienti nell’esercizio delle attività specialistiche odontoiatriche) e che, giustamente tanta preoccupazione desta tra gli iscritti all’Albo degli Odontoiatri, la CAO Calabria intende precisare che in data 17 ottobre 2016 si è riunito il Tavolo Tecnico paritetico ai sensi dell’art.7 comma 7 della Legge regionale n°10/2016 che nel verbale al punto due così recita:

“Ciò posto, è evidente che restano pienamente validi ed efficaci tutti gli articoli della Legge Regionale n°10/2016 non impugnati e che comunque, l’eventuale successiva declaratoria di incostituzionalità degli artt.4 e 5 della Legge Regionale 10/2016 risulterebbe ininfluente sulla corretta applicazione del residuale testo normativo.

Ne consegue che, anche sotto questo diverso profilo, per gli “studi odontoiatrici” continua a trovare piena e integrale applicazione la Legge Regionale n°10/2016, fatta salva la eventuale cancellazione del testo degli artt.4 e 5  laddove la Corte Costituzionale accogliesse il ricorso che, comunque, è bene ribadire, non inficia in alcun modo né i requisiti strutturali, tecnologici e normativi, né il procedimento mediante SCIA, previsti dalla LR 10/2016.”

Pertanto come già previsto dal suddetto Tavolo Tecnico, alla luce della Sentenza della Corte Costituzionale n° 106/2017, si intende tranquillizzare tutti i colleghi che la Legge Regionale n° 10 2016 è vigente alla data odierna.

Cordiali saluti.

IL PRESIDENTE DEL COORDINAMENTO

dott. Giuseppe Guarnieri

IL PRESIDENTE CAO CZ

dott. Salvatore De Filippo

IL PRESIDENTE CAO RC

dott. Filippo Frattima

IL PRESIDENTE CAO KR

dott. Corrado Bellezza

IL PRESIDENTE CAO VV

dott. Giovanni Rubino

CORSO ECM PER ODONTOIATRI

Segnaliamo per tutti gli interessati corso gratuito ECM (5 crediti formativi) per Odontoiatri “Rischi infettivi da contaminazione incrociata nello studio odontoiatrico. Prevenzione attraverso l’uso di un corretto protocollo di disinfezione” Sala conferenze “Enzo Pacilè” Ordine dei Medici e degli Odontoiatri di Vibo Valentia 27 Maggio 2017 ore  08,30 – Relatori: Dr. Fausto Fulgosi

SCARICA LA BROCHURE